Il progetto Los Carosones nasce da un’idea di Nino Milone, produttore e cantante della band. Classe 1979, catanese di nascita, cresce fra Milano e Roma; arriva a Barcellona nel 1999 come studente di Scienze Politiche in Erasmus. S’innamora della città, della sua comunità di artisti e della musica dal vivo, al punto che si trasferisce definitivamente lì. Cantante in erba, fa le prime esperienze nel mitico gruppo reggae barcellonese Orquesta Surprise.

Nel 2008 suona per il Consolato Italiano a Vancouver in una formazione napoletana diretta dal maestro Lello Milo. Dopo aver visto l’effetto dirompente della musica di Renato Carosone sul pubblico italiano all’estero, decide di creare un progetto indipendente affine. Coinvolge i migliori professionisti in campo artistico conosciuti negli anni a Barcellona: musicisti, arrangiatori, tecnici di registrazione, registi, editori, ballerini di swing. È l’inizio de Los Carosones.
Nel 2011 la band gira il primo videoclip, una cover del celebre brano di Carosone Tu vuo’ fa l’americano, che riscuote grande successo.

Una band unita dall’amore per la musica italiana

Nell’arco di dieci anni, sul palco del gruppo si sono avvicendati circa 20 musicisti, 3 formazioni complete e altre 2 speciali per i concerti in Sud America.
Ogni arrangiatore e strumentista ha interpretato la tradizione musicale italiana con uno stile personale, arricchendola di un tocco esotico.
Hanno collaborato con Los Carosones: gli argentini Quile Estevez, produttore del primo EP e Didi Lezcano, batterista; dalla Colombia Dani Ospina, chitarrista e arrangiatore del primo LP e Francisco Frieri, batterista con cui è stato ricreato il progetto a Bogotà. Non poteva mancare un musicista napoletano amico di Barcellona come Ubik al sax e, dalla Francia, Mathieu Aupitre agli arrangiamenti e al sax.

Nino Milone, oltre a individuare gli artisti con il sound giusto, ha selezionato le canzoni e gli artisti da inserire nel repertorio della band.
Oggi Los Carosones è un sestetto internazionale composto da:

  • Pasto Marti, artista e produttore catalano al basso e agli arrangiamenti;
  • Eric Sanchez, anche lui catalano, alla batteria;
  • Matteo Queseno, calabrese, alla chitarra;
  • Roger Mir (Catalan) Sax Alto e Cesar del Val (Spagna) Sax Tenore;
  • Nino Milone, cantante.
manifesto retrò di un concerto de Los Carosones in cui sono riportati i titoli dei più celebri brani di Renato Carosone eseguiti dalla band

Esibizioni live: un format versatile pronto a girare il mondo

Le esperienze dal vivo sono tra le più distanti fra loro sulla carta geografica e per tipologia di evento, ma sono accomunate dalla celebrazione della musica italiana. Partendo da Barcellona, Los Carosones sono stati ospiti fissi in locali storici dell’antico Barrio Gotico: il Cafè Royale e lo speakeasy (un particolare bar ispirato agli anni Venti del Novecento) più in voga della città, il Mutis Club. Sempre nella città catalana, nel 2019 sono stati ospiti del Voll Damm Jazz Festival, una delle più importanti manifestazioni al mondo dedicate alla musica jazz.
Al di fuori dei confini nazionali, hanno suonato a Vienna nella sala del Rathaus (2012) e per la famiglia reale svedese a Stoccolma. E ancora al Festival de las Artes de Valparaiso in Cile, al Museo Nacional di Bogotà (2017) e al Festival Italiano a Porto, in Portogallo (2018). Concerti che hanno lasciato un ricordo speciale nelle persone che vi hanno partecipato.